Poetare con la natura

20 novembre 2014

Haiku con le foglie dìautunno 

L'attività è stata proposta nella scuola dell'infanzia con bambini di 5 anni. Ho provato "ad entrare nella natura" in una forma ancora più sperimentale, più potente, includendo oltre l'osservazione e il disegno, la narrazione delle piccole cose, in un rapporto intenso, vicino alla terra... per trovare quei ponti che ci collegano a lei, poiché anche noi siamo natura e la narrazione ci invita fin da piccoli a raccontarci. E' proprio dal rapporto con le piccole cose che emerge la consapevolezza del ciclo vitale.Il tema delle stagioni come tempo che ritorna, che passa e cambia le cose è sempre elemento di stupore e meraviglia non solo per gli adulti ma anche per i bambini ... Una folata improvvisa di vento o l'osservare un distesa di foglie secche e variegate, posate a terra è tipico del modo di guardare del mondo dei bambini. Attraverso il gioco dell'osservare, del ritrovare le piccole cose, del "copiare dal vero", abbiamo riacquistato la calma, il silenzio e con tanti haiku, piccoli pensieri poetici, i bambini hanno raccontato riflessioni ed emozioni sulla natura.

LE FOGLIE SVOLAZZANO
NEL VENTO D'AUTUNNO
E CADONO PER GIU'...

LE FOGLIE SONO VIVE
POI DOPO
SONO SECCHE E MORTE

LA FOGLIA E' ROSSA,
VERDE E MARRONE
E IL VENTO LA SPINGE

LA FOGLIA E' LEGGERA
UN PO' SECCA
CADE SULL'ERBA FRESCA

LE FOGLIE NEI PASSI
FANNO RUMORE
QUANDO SONO PIU' SECCHE